Powered by Smartsupp

Olio di CBD e sollievo dal dolore cronico

 

Non c’è dubbio che ognuno di noi sappia cos’è il dolore perché lo ha sperimentato ad un certo punto della propria vita. Che si tratti di dolore acuto a causa di un infortunio o di dolore duraturo causato da una malattia o un'infezione. Il dolore è semplicemente una parte normale della vita ed è il modo in cui il nostro corpo ci dice che qualcosa non va. Questa volta proveremo a rispondere alla domanda se e come il CBD possa aiutare con il dolore cronico.

Il dolore di solito scompare da solo quando la ferita guarisce o l’infezione si risolve. Tuttavia, per alcune persone, il dolore può persistere per settimane, mesi e talvolta anni. Se il dolore persiste per 12 settimane o anche più, si parla di dolore cronico. Spesso può essere molto debilitante e può rendere le persone colpite da tale dolore incapaci di funzionare normalmente e di vivere una vita piena. Il dolore non solo li limita, ma spesso minaccia anche altri aspetti della salute fisica e mentale

 

Tipi di dolore cronico

Gli scienziati ritengono che il dolore cronico sia causato dall’invio da parte del corpo di segnali di dolore incontrollati al cervello senza una causa chiara. Ciò può verificarsi molto tempo dopo la guarigione. Il dolore cronico può anche essere semplicemente diviso in due categorie: neuropatico o infiammatorio . La causa del dolore neuropatico è principalmente l’eccessiva attivazione dei neurotrasmettitori nel cervello. Il nome di questo neurotrasmettitore è glutammato ed è responsabile della modulazione dei neuroni nella via del dolore.

Un altro tipo di neurotrasmettitore nel tronco cerebrale e nel midollo spinale è la glicina. Questo neurotrasmettitore è responsabile di supportare l'azione del glutammato . Il suo ruolo è che la glicina diventa un attore chiave nella segnalazione del dolore. Il dolore infiammatorio è correlato, ma non limitato a, i neuroni nel dolore neuropatico. Il dolore infiammatorio è causato dalle risposte del sistema immunitario a fattori di stress ambientali , tossine e infezioni.

Il meccanismo di base coinvolto nello sviluppo del dolore infiammatorio è la modulazione (aumento della sensibilità) dei canali TRPV1. Questa modulazione del dolore consiste nel rilascio di prostaglandine che regolano le reazioni infiammatorie, lo stress ossidativo e l'abbassamento della cosiddetta soglia nocicettiva (soglia del dolore), che porta ad una maggiore sensibilità al dolore.


Sintomi di dolore cronico

I sintomi possono variare notevolmente da persona a persona e dipendono in gran parte dalla causa alla base del dolore cronico. Tuttavia, nonostante ciò, molti sintomi sono considerati comuni e comuni. Questi includono quanto segue:


Sintomi fisici

  • mal di testa e dolore al collo
  • mal di schiena lombare
  • dolore lancinante, bruciore o pizzicore
  • formicolio o formicolio
  • intorpidimento o perdita di sensibilità
  • dolore che si verifica senza una ragione apparente
  • dolore causato da eventi che solitamente non sono dolorosi (ad esempio sfregamento contro qualcosa, temperature fredde o pettinarsi i capelli)


Sintomi emotivi e di altro tipo

  • difficoltà a dormire o a riposare
  • incapacità di svolgere le normali attività quotidiane (ad esempio lavoro, esercizio fisico o partecipazione ad eventi sociali )
  • sentimenti di ansia e depressione


CBD per il dolore cronico

Chiedi a qualcuno che conosci o fai una rapida ricerca su Internet e scoprirai che uno dei motivi più comuni per cui le persone usano il CBD ( cannabidiolo ) sono i suoi effetti antidolorifici. Questo è per una buona ragione.

Sebbene la ricerca sugli effetti del CBD contro il dolore sia lungi dall’essere un capitolo chiuso e stia rivelando nuovi meccanismi su come esattamente il CBD agisce contro il dolore, sappiamo già che il CBD può essere uno strumento molto efficace nella lotta contro il dolore. Il CBD aiuta molte persone a tornare a una vita piena e attiva.

Il motivo per cui il CBD ha il potenziale per alleviare efficacemente il dolore cronico è dovuto al modo in cui interagisce con il nostro corpo, in particolare con  il sistema endocannabinoide (ECS) e altri recettori e neurotrasmettitori coinvolti nella percezione del dolore.


CBD, sistema endocannabinoide e dolore

Il CBD può alleviare il dolore cronico grazie al modo in cui interagisce con il nostro SEC, attivando i recettori dei cannabinoidi e ripristinando i livelli di endocannabinoidi , che controllano il modo in cui proviamo dolore. Ad esempio, quando non abbiamo abbastanza endocannabinoidi nel nostro corpo , la nostra sensibilità al dolore può aumentare. Anche i recettori dei cannabinoidi CB-1 e CB-2 svolgono un ruolo importante nella capacità del corpo di sopprimere e controllare il dolore .

Il CBD sopprime la percezione del dolore in diversi modi: attivando i recettori CB-1, che sono responsabili della soppressione dei segnali del dolore, e i recettori CB-2, che stimolano i recettori degli oppioidi a rilasciare antidolorifici naturali nel nostro cervello. Inoltre, è stato dimostrato che il CBD aumenta anche la segnalazione nel cervello anandamide ( endocannabinoide - una sostanza che il nostro corpo produce da solo) spesso definita la "molecola della beatitudine" perché è legata a sentimenti di benessere e felicità.


CBD, glutammato , glicina e dolore

Come accennato in precedenza, la glicina svolge un ruolo importante nel modo in cui il glutammato modula l’attività dei neuroni nelle vie primarie del dolore, promuovendone l’attività e aumentando la nostra sensibilità al dolore .

Grazie a questa interazione tra glutammato e glicina, l'attivazione dei recettori della glicina ( GlyR ) può causare dolore o amplificare la percezione del dolore. I ricercatori hanno scoperto che il CBD innesca un effetto analgesico e sopprime il dolore neuropatico e infiammatorio cronico.


CBD, prostaglandine, stress ossidativo e dolore

I ricercatori hanno anche dimostrato che il CBD ha potenti effetti antinfiammatori che possono aiutare a ridurre il dolore infiammatorio cronico.

Il motivo è principalmente la capacità del CBD di ridurre l'attività dell'enzima ciclossigenasi , simile ai farmaci del gruppo dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), come l'ibuprofene, l'aspirina o il naprossene . Questa riduzione della ciclossigenasi inibisce il rilascio di prostaglandine, responsabili della risposta infiammatoria del corpo umano.

I ricercatori hanno anche scoperto che il CBD aiuta a combattere l’infiammazione e lo stress ossidativo associato avendo un effetto immunosoppressivo sulle cellule che svolgono un ruolo nell’infiammazione.


Prodotti CBD per il dolore cronico

Come per tutti i prodotti sanitari, è importante scegliere sempre prodotti di qualità quando si utilizza il CBD per il dolore. Importante è anche la regolarità d’uso. Solo allora potrai sentire e apprezzare appieno tutti i suoi benefici.


Oli e tinture di CBD

Per la prevenzione quotidiana e il mantenimento di buone condizioni, consigliamo la somministrazione sublinguale di olio o tintura di CBD a spettro completo .


Vaporizzazione

, la vaporizzazione può fornire un sollievo quasi immediato grazie alla sua rapida insorgenza d'azione CBD .


CBD per uso esterno

Forniscono pomate CBD appositamente sviluppate CBD direttamente nell'area interessata, fornendo sollievo dal dolore locale.

 

Foto: Shutterstock

Breve e semplice:
1. Hemnia non vuole né può sostituire l'assistenza professionale del medico. 2.

I prodotti Hemnia non sono medicinali (o preparati medici), quindi per favore non trattarli come tali.

3. Hemnia offre prodotti a base di cannabis, ma non cercare qui sostanze narcotiche o psicotrope. Non li offriamo né li consigliamo.

Leggi il testo completo del disclaimer qui .