Powered by Smartsupp

Olio di CBD e sindrome metabolica

 

Il termine sindrome metabolica comprende una serie di problemi di salute, ma tutti rappresentano complicazioni cardiovascolari interconnesse. La sindrome metabolica è un disturbo incredibilmente diffuso. Si stima che ne soffra oltre il 30% degli adulti cechi. Fortunatamente , l’olio di CBD rappresenta un potenziale significativo per la gestione delle cause e dei sintomi associati a questa malattia.

I fattori di rischio associati alla sindrome metabolica sono l'obesità (in particolare l'obesità addominale centrale manifestata da un aumento della circonferenza addominale), l'ipertensione , un basso colesterolo HDL (il buono) / un alto colesterolo LDL (il cattivo), l'insulino-resistenza e un aumento dei trigliceridi . Il criterio per stabilire una diagnosi clinica è la presenza di tre o più di questi indicatori. La sindrome metabolica aumenta significativamente il rischio di malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2. Di seguito, esamineremo i vantaggi e l’efficacia dell’uso dell’olio CBD come potenziale trattamento per la sindrome metabolica.


Quali sono i benefici delle gocce di CBD per la sindrome metabolica

SU la sindrome metabolica non è un farmaco specifico. Come accennato in precedenza, si tratta di un insieme di condizioni come l’ipertensione e l’obesità che possono aumentare il rischio di malattie cardiache e diabete. La misura di base utilizzata per trattare la sindrome metabolica è la modifica dello stile di vita. Dieta, esercizio fisico e riduzione dello stress possono contribuire notevolmente a invertire o gestire i problemi di fondo associati alla sindrome metabolica. L’olio di CBD può aiutare con alcuni di questi cambiamenti nello stile di vita .

È stato dimostrato che l'olio di CBD allevia lo stress , riduce il dolore e l'infiammazione associati all'allenamento duro (aiutando allo stesso tempo a costruire muscoli brucia grassi) e potrebbe anche essere in grado di aiutare a regolare l'appetito e quindi contribuire alla modifica delle abitudini alimentari. I farmaci comunemente prescritti per trattare l’ipertensione, il colesterolo e la resistenza all’insulina possono avere effetti collaterali piuttosto gravi. Uno dei principali vantaggi potenziali dell'olio di CBD è che può produrre effetti simili a quelli di questi farmaci senza tutti i rischi associati.

Per una migliore comprensione dei possibili benefici delle gocce di CBD per il trattamento della sindrome metabolica, consultare la tabella dei farmaci qui sotto e consultare il proprio medico. Poiché ogni persona è diversa, le informazioni seguenti servono solo come raccomandazione generale e non sostituiscono la consultazione con un medico.

Nota I vasodilatatori sono agenti (farmaci) utilizzati per allargare i vasi sanguigni.

L’olio di CBD può ridurre l’infiammazione nelle cellule che può essere associata alla resistenza all’insulina.

L’olio CBD è generalmente considerato sicuro e ha pochi effetti collaterali. Tuttavia, il cannabidiolo (CBD) può interagire con alcuni farmaci, quindi è meglio verificare con il proprio medico che iniziare con l'olio di CBD sia la strada più sicura da seguire.


Efficacia dell'olio CBD nella sindrome metabolica

Ci sono molti modi in cui può farlo L’olio di CBD funziona nel trattamento della sindrome metabolica. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche e studi clinici (attualmente in corso), attualmente sappiamo quanto segue:


Olio di CBD per la pressione alta

È stato scoperto che l’olio di CBD è efficace nel ridurre la pressione alta. Dilatando i vasi sanguigni, il CBD consente un maggiore flusso sanguigno, abbassando così la pressione sanguigna complessiva. Uno studio condotto dall’Università di Nottingham ha rivelato che una singola dose di olio di CBD ha ridotto significativamente la pressione sanguigna nei soggetti del test, sia a riposo che sotto stress.

Una revisione degli studi condotti nel 2017 ha esaminato l’effetto dell’olio CBD sulla dinamica del flusso sanguigno (emodinamica). Sebbene non ci siano molti dati di studi clinici sul CBD e sull'emodinamica negli esseri umani, una revisione di questi studi ha concluso che "il CBD può essere usato come trattamento per vari disturbi cardiovascolari come ipertensione, infarto miocardico e ictus". Un altro modo in cui l’olio di CBD può abbassare la pressione sanguigna è regolando e controllando i livelli di stress.

 

Olio di CBD per alleviare lo stress

Se sei stressato, ciò può comportare un aumento significativo della pressione sanguigna. Fortunatamente, le gocce di CBD possono darti sollievo dallo stress .

Nei periodi di forte stress, il corpo rilascia l’ormone dello stress cortisolo . Livelli elevati di cortisolo possono portare ad un aumento della pressione sanguigna. Durante uno studio condotto nel 1993 , è stato dimostrato che il CBD regola la secrezione di cortisolo nel corpo di volontari umani sani e riduce efficacemente la loro pressione sanguigna.

Un altro studio del 2013 ha concluso che il CBD può potenzialmente ridurre i comportamenti difensivi indotti dallo stress, come la risposta di lotta o fuga, causata da stimoli minacciosi. Ciò avviene agendo sul recettore della serotonina (5-HT1A).I topi sono stati poi esposti a un serpente selvatico. Poiché l'olio CBD agisce sullo stress a livello ormonale e neurotrasmettitore , si rivela un promettente metodo multiuso per ridurre il livello di stress e quindi l'effetto sullo sviluppo della sindrome metabolica.

 

Olio CBD per la resistenza all'insulina

Non è del tutto chiaro come il CBD combatta la ridotta capacità dei tessuti di rispondere all’insulina, cioè l’insulino-resistenza. Sono necessarie ulteriori ricerche in questa direzione. Tuttavia, gli studi fino ad oggi indicano un legame tra resistenza all’insulina e infiammazione. L’olio di CBD è noto per i suoi effetti antinfiammatori. Colpendo sia il sistema immunitario che quello endocannabinoide, il CBD può ridurre l’infiammazione e potenzialmente migliorare la resistenza all’insulina.

L'olio di CBD può anche aumentare il livello di adenosina presente nel cervello. Questo neurotrasmettitore, insieme ai recettori dell'adenosina A1 e A2, svolge un ruolo significativo nel ridurre l'infiammazione cellulare. Aumentando il livello di adenosina disponibile , il CBD migliora la segnalazione attraverso i recettori A1 e A2. I ricercatori ritengono che questo effetto sia legato alle proprietà antinfiammatorie del CBD.


Olio CBD per l'obesità

L’olio di CBD può aiutare a ridurre l’obesità in diversi modi. Primo: l’olio di CBD può agire come soppressore dell’appetito. In uno studio del 2012, ai ratti maschi adulti è stata somministrata una varietà di cannabinoidi e la loro assunzione di cibo è stata misurata dopo questo trattamento. È stato scoperto che il CBD riduce il consumo di cibo nei ratti trattati.

Il CBD può anche aiutare il corpo a convertire le dannose cellule di grasso bianco in cellule di grasso bruno più benefiche. Il grasso bianco viene utilizzato per immagazzinare energia ed è associato a malattie cardiache e diabete. Il grasso bruno, invece, converte le calorie del cibo in calore rilasciato dal corpo. Gli individui magri tendono ad avere più grasso bruno rispetto agli individui obesi. In generale, una persona ha pochissimo grasso bruno rispetto a quello bianco. In uno studio, è stato scoperto che il CBD converte le cellule adipose bianche in cellule marroni, portando i ricercatori a concludere che il CBD ha il potenziale per combattere attivamente l’obesità.

 

Olio di CBD per il colesterolo alto

Sfortunatamente, al momento non ci sono molti studi pubblicati su CBD e colesterolo. Ma ciò non significa che non ci siano segnali promettenti.

Alcune delle ricerche esistenti lo hanno suggerito L’olio di CBD può stimolare il metabolismo, che porta ad un’elaborazione più rapida di calorie e grassi, riducendo così i livelli di colesterolo nel sangue.

Molti prodotti a base di canapa contengono acidi grassi omega 3 e 6 e diversi grassi polinsaturi. Questi grassi svolgono un ruolo importante nel prevenire l’accumulo di colesterolo cattivo nelle arterie.

 

Come usare l'olio CBD per la sindrome metabolica

Prima di utilizzare l’olio di CBD per la sindrome metabolica, è essenziale consultare prima il medico. Ti dirà se l’olio CBD è la scelta migliore per te e ti consiglierà come usarlo nel modo più sicuro possibile.

Una volta superato questo colloquio e ottenuto il via libera, dovrai decidere quali tipi di prodotti CBD utilizzare.

Quando si affrontano problemi associati alla sindrome metabolica, è probabile che sia necessario mantenere un livello abbastanza costante di olio di CBD nel proprio corpo. A questo scopo, la scelta migliore sarà probabilmente quella di utilizzare compresse di olio di CBD , tinture o gocce di olio di CBD , oppure capsule contenenti olio di CBD .

Gli edibili, come vari dolcetti al CBD o caramelle gommose al CBD , nonché le capsule, forniscono una dose abbastanza consistente di olio di CBD. Questo li rende un modo comodo e senza preoccupazioni per utilizzare il cannabidiolo . Poiché il CBD in questa forma deve passare attraverso il sistema digestivo dopo il consumo prima di essere assorbito nel flusso sanguigno, può essere necessaria fino a un'ora affinché i suoi effetti abbiano effetto. Ma il loro effetto dura dalle 4 alle 6 ore, il che significa che probabilmente non avrai bisogno di assumere più di una o due dosi durante il giorno.

Le gocce di CBD sotto forma di tintura o olio non hanno bisogno di passare attraverso il sistema digestivo perché vengono assorbite per via sublinguale (sotto la lingua). In questo modo, l'inizio dell'azione avviene solitamente entro 30 minuti e può durare dalle 2 alle 4 ore. Le gocce di CBD sono anche molto facili da aumentare o diminuire la dose secondo necessità, letteralmente fino alla goccia, rendendole un buon punto di partenza per trovare la dose ideale. Sono disponibili in piccole bottiglie portatili, il che significa che puoi portarli sempre con te e usarli ogni volta che ne hai bisogno.

In commercio è possibile trovare anche prodotti per lo svapo. Questi prodotti producono effetti quasi immediati, ma solitamente il loro effetto dura solo circa un'ora. Il CBD in questa forma è più adatto a ridurre il dolore, l’infiammazione e lo stress.

Potresti scoprire che una particolare combinazione di prodotti funziona meglio per il tuo problema. Ad esempio, puoi assumere regolarmente il prodotto in capsule e poi utilizzare un prodotto vaporizzante o una tintura durante la giornata per alleviare lo stress o l'ansia improvvisa. Inizia lentamente, ma non aver paura di provare alcuni prodotti diversi per vedere cosa funziona meglio per te.

 

Dosaggio dell'olio CBD nella sindrome metabolica

quando si tratta di olio di CBD , non esiste un dosaggio universale. Varia a seconda del peso, dell'età, del metabolismo e della genetica dell'utente. È sempre meglio iniziare lentamente con la dose minima consigliata indicata sulla confezione.

Una volta che sai come reagisce il tuo corpo, puoi aumentare o diminuire il dosaggio secondo necessità. Come punto di partenza generale, abbiamo analizzato centinaia di prodotti e siamo giunti alle seguenti conclusioni:

Una dose standard adatta di olio di CBD è di 25 mg di CBD due volte al giorno. Se questa quantità non produce i risultati desiderati, prova ad aumentare la dose di 25 mg ogni 3-4 settimane fino a quando non si verifica il sollievo. Puoi anche consultare un medico, che adeguerà il dosaggio dell'olio CBD e il piano di trattamento alle tue esigenze specifiche.


Il miglior olio CBD per la sindrome metabolica

per combattere la sindrome metabolica , quindi dovresti concentrarti sulla qualità mentre fai acquisti. Per aiutarti a trovare i migliori prodotti petroliferi al CBD sul mercato, ecco alcune cose da cercare:

I prodotti a base di cannabis contenenti fino all'1% di THC o meno saranno legali nella Repubblica Ceca dall'inizio del 2022. Ma la stessa situazione non si applica in tutti gli stati. Alcuni paesi richiedono che gli utilizzatori di CBD abbiano una prescrizione, mentre altri vietano del tutto la vendita di prodotti a base di canapa. Quando viaggi all'estero, ti consigliamo di verificare le leggi di ciascun paese che attraverserai.

Controlla il contenuto di THC. Se non vuoi assolutamente utilizzare il THC , anche se questo componente contribuisce all'effetto risultante grazie al cosiddetto effetto entourage , procurati solo prodotti realizzati con l'utilizzo di olio di CBD ad ampio spettro o isolato di CBD.

Prova a trovare anche i certificati pertinenti. Utilizza marchi che pubblicano un certificato di analisi per ogni lotto di prodotti petroliferi al CBD che producono. Questi certificati sono in realtà risultati di laboratorio che ti dicono esattamente cosa c'è nel tuo olio CBD . Ti aiuteranno a verificare la concentrazione sia di THC che di CBD e ti aiuteranno a evitare possibili contaminazioni da metalli pesanti.

La sindrome metabolica rappresenta un rischio significativo per un gran numero di persone e non esiste un trattamento o una cura specifica per essa. Dieta ed esercizio fisico contribuiscono notevolmente al miglioramento della salute, ma a volte non sono sufficienti. Sebbene scienziati e medici continuino a studiare gli effetti dell’olio di CBD , sembra che possa essere utile nell’affrontare i problemi associati alla sindrome metabolica e possa aiutare le persone a evitare malattie cardiache o diabete di tipo 2.

 

Foto: Shutterstock

“Tutte le informazioni fornite su questo sito Web, così come le informazioni fornite attraverso questo sito Web, sono solo a scopo didattico. Nessuna delle informazioni qui fornite è intesa come sostitutiva della diagnosi medica e tali informazioni non possono essere considerate consigli medici o trattamenti raccomandati. Questo sito Web non supporta, approva o sostiene l'uso autorizzato o illegale di sostanze narcotiche o psicotrope o altre attività illegali." Per ulteriori informazioni, vedere la dichiarazione di non responsabilità .