Powered by Smartsupp

Il misterioso effetto entourage: come influisce sugli effetti del CBD

La pianta di cannabis contiene più di 1.400 sostanze chimiche uniche. Gli scienziati hanno identificato più di 100 cannabinoidi, 200 terpeni, molti flavonoidi e diversi composti fenolici. Molti di questi composti hanno effetti sul corpo umano e alcuni possono essere fondamentalmente benefici, come il CBD. Numerosi studi suggeriscono che non solo i cannabinoidi, ma anche altre sostanze presenti nella cannabis interagiscono naturalmente tra loro. Esse sviluppano il potenziale dell'altra e ne rafforzano gli effetti. Questa teoria della cooperazione sinergica è chiamata effetto entourage. Come funziona esattamente?

Il fenomeno per cui diverse sostanze agiscono insieme per produrre un effetto che non potrebbero ottenere da sole è noto come effetto entourage. Tale effetto di accompagnamento è quindi superiore alla somma netta degli effetti che le sostanze possono avere singolarmente. È l'interazione dei composti a potenziare l'effetto risultante. Più precisamente, quando le sostanze lavorano in sinergia (in modo interdipendente), l'effetto di un composto può essere più pronunciato, mentre l'effetto di un altro può essere indebolito.

Un composto, ad esempio il CBD, può diventare più efficace se combinato con un altro (ad esempio il THC). Ma è vero anche il contrario: una sostanza può indebolire alcuni degli effetti di un'altra. Per esempio, si dice che il CBD possa contrastare alcuni degli effetti collaterali indesiderati del THC, come i vuoti di memoria o l'ansia. A volte un composto inattivo può addirittura diventare attivo se combinato con altri composti.

L'effetto entourage è essenzialmente l'effetto combinato di composti che agiscono in sinergia. Si pensa che derivi dalle interazioni tra i singoli cannabinoidi e tra cannabinoidi e terpeni.

L'analogia di un pianista che suona il pianoforte serve bene a illustrare questo aspetto. Mentre la musica suonata solo da un pianista può essere bella da sola, quando è accompagnata da un cantante, la musica assume una nuova dimensione. Tuttavia, se il cantante non è bravo e canta troppo forte, il pianista probabilmente suonerebbe meglio da solo. Quindi l'effetto dell'accompagnamento non si traduce automaticamente in un'esperienza migliore. Ma credo che siamo tutti d'accordo sul fatto che l'ascolto di un'orchestra professionale che suona a ritmo accompagnata da un coro o da un cantante professionista rende l'esperienza musicale perfetta.

Come funziona l'interazione tra CBD e THC

Del nutrito gruppo di cannabinoidi vegetali presenti nella cannabis, il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC) sono senza dubbio non solo i più popolari, ma anche i più studiati. Questi, così come altri cannabinoidi, interagiscono con il sistema endocannabinoide del nostro corpo, responsabile di molti importanti processi corporei, in particolare del mantenimento dell'equilibrio interno.

È la loro capacità di legarsi ai recettori endocannabinoidi nel cervello e in tutto il sistema nervoso centrale che dà origine ai potenziali effetti terapeutici non solo del CBD e del THC, ma anche di altri composti cannabinoidi. Ma cosa succede quando i cannabinoidi lavorano insieme.

Il sistema endocannabinoide umano è progettato per accoppiarsi con i cannabinoidi endogeni prodotti dall'organismo. Tuttavia, i composti contenuti nella cannabis possono legarsi a questi recettori con la stessa efficacia. Diversi studi suggeriscono che l'assunzione di CBD e THC insieme, oltre ad altri composti organici (terpeni e terpenoidi) presenti nella cannabis, è più efficace rispetto all'assunzione di CBD o THC da soli. I terpeni sono oli essenziali con un odore e un sapore caratteristici. Pertanto, la teoria dell'effetto di incoraggiamento , promossa da molti, sostiene che le proprietà dei singoli prodotti di cannabis sono spesso determinate dalla concentrazione relativa di terpeni specifici e dalla loro combinazione con cannabinoidi e altre sostanze.

Tutti i prodotti a base di CBD del cosiddetto estratto a spettro completo sfruttano questo magico mix di sostanze, che probabilmente agiscono in modo sinergico. Questo include entrambi gli oli di CBD di canapa e di cocco della Hemnia. Contengono l'intero spettro di sostanze naturalmente presenti nella canapa: oltre al CBD, ci sono altri cannabinoidi - CBG (cannabigerolo), CBN (cannabinolo), CBC (cannabicromene), THCA (acido tetraidrocannabinolico) e la quantità legalmente consentita di THC (tetraidrocannabinolo - sempre fino allo 0,3%), oltre a una miscela di terpeni naturali.

Molte persone che lavorano a stretto contatto con la cannabis ritengono che l'effetto entourage possa potenziare notevolmente l'utilità terapeutica sia del CBD che del THC, sia amplificando i loro effetti noti che espandendo i loro potenziali usi terapeutici.

Da dove nasce l'effetto scorta?

La teoria dell'effetto scorta è stata formulata per la prima volta nel 1998 da Raphael Mechoulam, un chimico dell'Università Ebraica di Gerusalemme - un innovatore e pioniere della ricerca sulla cannabis. Mechoulam e i suoi colleghi hanno studiato la molecola 2-arachidonoilglicerolo (2-AG), che si lega ai recettori cannabinoidi CB1 e CB2 nel nostro corpo. Hanno dimostrato che nella milza, nel cervello e nell'intestino dei topi, il 2-AG si trova solitamente insieme ad altri due composti (2-linoleoilglicerolo e 2-palmitoilglicerolo). Sebbene queste due molecole da sole non siano riuscite a legarsi ai CB1 e CB2, hanno migliorato la capacità del 2-AG di legarsi ai recettori e hanno potenziato alcuni effetti - come il sollievo dal dolore - negli animali.

La teoria dell'effetto entourage pone che i composti della cannabis influenzino un'ampia gamma di processi nel corpo e, soprattutto, che lavorino meglio insieme che isolatamente. Ethan Russo, neuroscienziato ed ex direttore della ricerca e dello sviluppo presso l'Istituto Internazionale per la Cannabis e i Cannabinoidi di Praga, ha preso questo concetto e lo ha esteso ad altre sostanze chimiche presenti nella cannabis. Forse nessuno nel campo si è sforzato più di Russo di dimostrare l'esistenza di un effetto additivo, che ha dedicato decenni di lavoro scientifico e una ricerca nella letteratura scientifica nel tentativo di trovarne le tracce.

Quando Mechoulam pubblicò il suo lavoro, Russo si rese conto che i suoi risultati potevano sostenere la sua idea che il THC non fosse l'unico componente della cannabis con potenziali usi farmacologici. Per decenni aveva sentito aneddoti su varietà di cannabis che influenzavano le persone in modi diversi: una poteva essere buona per alleviare il dolore, mentre un'altra poteva migliorare il sonno. Russo ha proposto la tesi che la cannabis contenesse composti diversi dal THC che potevano spiegare queste differenze. Dopo aver imparato a conoscere i terpeni, noti come oli essenziali, che possono essere estratti dalle piante (come la lavanda e la menta piperita) e che presumibilmente hanno effetti medicinali, ha ipotizzato che questi composti potrebbero essere in grado di potenziare gli effetti del THC.

Russo ha anche sostenuto che il CBD potrebbe agire per potenziare gli effetti terapeutici del THC. Come prova, cita uno studio clinico del 2010 sull'antidolorifico Sativex, che conteneva una miscela abbastanza equilibrata di THC e CBD estratti dalla cannabis. Il Sativex è usato per trattare il dolore neuropatico nelle persone con sclerosi multipla. Il farmaco è stato sviluppato dalla GW Pharmaceuticals, un'azienda britannica per la quale Russo è stato consulente medico capo dal 2003 al 14.

Lo studio controllato ha coinvolto 177 persone affette da dolore da cancro e ha messo a confronto tre approcci: a un gruppo di partecipanti è stato somministrato un placebo, a un altro è stato somministrato un farmaco ad alto tenore di THC e a un terzo gruppo il Sativex. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare il livello di dolore che provavano durante le due settimane di studio e alla fine di confermare l'eventuale riduzione del dolore. Una riduzione del dolore pari o superiore al 30% è stata considerata clinicamente significativa. Circa un terzo di dolore in meno è stato riferito da circa il 40% delle persone trattate con il Sativex, quasi il doppio di quelle che hanno ricevuto il placebo o il solo THC. Questa differenza è stata osservata anche se il contenuto di THC di ciascun prodotto era lo stesso, il che potrebbe significare solo che il CBD ha in qualche modo potenziato l'effetto analgesico del THC.

Studi più recenti e i loro risultati

Lo studio del 2019, citato nell'articolo di S. Ratliff sul sito Cannabis tech, ha testato sei terpeni comuni da soli e in combinazione. I ricercatori hanno scoperto che gli effetti del THC sui recettori CB1 e CB2 dei cannabinoidi non erano alterati dall'aggiunta dei terpeni. Tuttavia, questo non significa che l'effetto dell'accompagnamento non esista. È possibile che i terpeni interagiscano con il THC in altre parti del cervello o del corpo, o in modo diverso da quello su cui si è concentrato questo studio.

Uno studio del 2018 meta-analisi che Russo cita, a sostegno dell'esistenza di un effetto additivo, il risultato di una ricerca che, nel tentativo di ridurre l'incidenza delle crisi epilettiche nei pazienti affetti da epilessia, ha dimostrato che gli estratti puri di CBD (isolati) si sono rivelati molto meno efficaci di quelli che contenevano una miscela di cannabinoidi, compresi i terpeni (estratti ad ampio spettro o a spettro completo). La ricerca ha coinvolto 670 persone con epilessia resistente al trattamento, alle quali sono stati somministrati o CBD isolati o solo estratti di canapa ricchi di CBD che contenevano uno spettro più ampio di sostanze (contenute nella cannabis). Il 71% di coloro che hanno assunto questi estratti ha riferito di avere crisi epilettiche meno frequenti. Solo il 46% di coloro che hanno ricevuto l'isolato di CBD. Tuttavia, coloro che hanno sperimentato una riduzione di almeno il 50% della frequenza delle crisi erano equamente rappresentati in entrambi i gruppi.

Non dimentichiamo i terpeni

Russo ha raccolto prove che suggeriscono che i terpeni e i terpenoidi (composti aromatici) hanno la capacità di potenziale di alleviare la psicosi e i problemi di memoria che possono essere scatenati dall'uso di THC ad alte dosi. E questi composti potrebbero anche potenziare le proprietà più positive del THC. Alcuni studi suggeriscono che il terpene mircene possa migliorare il sonno nelle persone con dolore cronico e che il limonene possa aiutare ad alleviare l'ansia. Russo è quindi un sostenitore dell'idea che l'uso di terpeni accanto a CBD e THC offra l'opportunità di "aggiustare" più efficacemente i farmaci per soddisfare le esigenze individuali dei pazienti.

Ad esempio, come scrive Adie Wilson-Poe, neuroscienziato presso il Legacy Research Institute e direttore di Smart Cannabis, con sede a Portland, Oregon, alcuni terpeni hanno dimostrato di avere proprietà antiossidanti e analgesiche. Tuttavia, ammette che nessuna ricerca si è ancora concentrata sulla ricerca di combinazioni di molecole adatte ai diversi sintomi della malattia.

Abbiamo bisogno di più ricerca

Come la maggior parte di ciò che sappiamo finora sul potenziale terapeutico della cannabis, l'effetto entourage è ancora una teoria relativamente fondata. Tuttavia, non tutte le ricerche hanno trovato prove solide a suo sostegno. Sia i sostenitori che i dubbiosi concordano sul fatto che sono necessarie ulteriori ricerche, compresi studi clinici in doppio cieco, per confermare con assoluta certezza l'esistenza dell'effetto entourage. E se esiste, resta da capire come funziona esattamente.

Anche se quel giorno non è ancora arrivato, ulteriori ricerche stanno producendo prove abbastanza convincenti. Oltre a ciò, esiste una grande quantità di prove aneddotiche - da parte di consumatori le cui esperienze con la cannabis medica variano a seconda della composizione chimica dei prodotti che hanno consumato. Il dibattito assume quindi spesso la forma di una battaglia tra il metodo scientifico e le esperienze personali dei consumatori.

Crediamo fermamente che i principi attivi della cannabis possano effettivamente lavorare insieme per produrre effetti benefici. Potrebbe solo accadere in un modo che è difficile da determinare con i metodi attuali. Il tempo ce lo dirà.

Foto: Shutterstock

"Tutte le informazioni contenute in questo sito web, così come le informazioni fornite attraverso questo sito web, sono solo a scopo educativo. Nessuna delle informazioni contenute è intesa come sostituto di una diagnosi medica e tali informazioni non devono essere considerate consigli medici o trattamenti raccomandati. Questo sito web non promuove, avalla o sostiene l'uso legale o illegale di stupefacenti o sostanze psicotrope o la commissione di qualsiasi altra attività illegale. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Dichiarazione di non responsabilità."