Powered by Smartsupp

Il CBD o la cannabis terapeutica possono sopprimere l'emicrania?

Gli attacchi di emicrania superano di gran lunga i tipici mal di testa causati da stress o allergie e durano dalle 4 alle 72 ore. Anche le attività più comuni, come muoversi o stare vicino a rumori e luci forti, possono intensificare i sintomi.

Sebbene i sintomi degli attacchi di emicrania possano essere temporaneamente alleviati dagli antidolorifici, gli effetti collaterali di questi ultimi devono essere temuti. È qui che entra in gioco il cannabidiolo (CBD). Il CBD è una delle numerose sostanze attive della cannabis. La sua popolarità sta crescendo e offre un sollievo naturale ed efficace per una serie di problemi di salute.

Cosa dice la ricerca sul CBD

La ricerca sull'uso del CBD per l'emicrania è limitata. Gli studi esistenti hanno esaminato gli effetti combinati del CBD e del tetraidrocannabinolo (THC), un altro cannabinoide più noto. Purtroppo, attualmente non esistono studi pubblicati che esaminino gli effetti del CBD sull'emicrania come ingrediente a sé stante.

Il numero limitato di ricerche è in parte dovuto alla regolamentazione del CBD e alle barriere associate allo status legale della cannabis. Tuttavia, alcuni studi di laboratorio suggeriscono che l'olio di CBD può essere utile per tutte le forme di dolore cronico e acuto, compresa l'emicrania.


 
Studi su CBD e THC

Nel 2017, al 3° Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN), un gruppo di ricercatori ha presentato i risultati del proprio studio sui cannabinoidi nella prevenzione dell'emicrania.

Nella prima fase del loro studio, a 48 persone con emicrania cronica è stata somministrata una combinazione di due composti. Un composto conteneva il 19% di THC, mentre l'altro conteneva il 9% di CBD e praticamente nessun THC. I composti sono stati somministrati per via orale. Dosi inferiori a 100 milligrammi non hanno avuto alcun effetto. Quando le dosi sono state aumentate a 200 mg, il dolore acuto è stato ridotto del 55%.

La seconda fase dello studio ha riguardato persone con emicrania cronica o cefalea a grappolo. 79 persone con emicrania cronica hanno ricevuto una dose giornaliera di 200 mg della combinazione THC/CBD (dalla fase I) o 25 mg di amitriptilina, un antidepressivo triciclico. 48 persone con cefalea a grappolo hanno ricevuto una dose giornaliera di 200 mg della combinazione THC/CBD della fase I o 480 mg di verapamil, un calcio-antagonista. Il trattamento è durato tre mesi e il follow-up è stato condotto quattro settimane dopo il completamento.

La combinazione THC/CBD ha portato a una riduzione del 40,4% degli attacchi di emicrania, mentre l'uso di amitriptilina ha portato a una riduzione del 40,1% degli attacchi di emicrania. La combinazione THC/CBD ha anche ridotto l'intensità del dolore del 43,5%. I partecipanti con cefalea a grappolo hanno sperimentato solo una lieve riduzione dell'intensità e della frequenza del mal di testa.

Tuttavia, alcuni hanno sperimentato una riduzione del 43,5% dell'intensità del dolore. Tuttavia, questa riduzione è stata riscontrata solo nei partecipanti con attacchi di emicrania iniziati nell'infanzia. I ricercatori hanno concluso che i cannabinoidi sono efficaci contro la cefalea a grappolo acuta solo se la persona ha avuto attacchi di emicrania nell'infanzia.

Ulteriori ricerche sulla cannabis

La ricerca su altre forme di cannabis può fornire ulteriori speranze a chi cerca sollievo dal dolore dell'emicrania.


Studi sulla cannabis medica

Nel 2016, la rivista Pharmacotherapy ha pubblicato uno studio sull'uso della cannabis medica per l'emicrania. I ricercatori hanno scoperto che su 48 persone intervistate, il 39,7% ha sperimentato complessivamente un minor numero di attacchi di emicrania.

La lamentela più comune è stata la sonnolenza, mentre altri hanno avuto difficoltà a determinare la dose corretta. La maggior parte degli effetti collaterali è stata sperimentata da coloro che hanno usato gli edibili di cannabis, rispetto all'inalazione o all'assunzione di altre forme.

Lo studio del 2018 ha esaminato 2.032 persone il cui problema o disturbo principale era l'emicrania, il mal di testa, l'artrite o il dolore cronico. La maggior parte dei partecipanti è riuscita a sostituire i farmaci prescritti - di solito oppioidi - con la cannabis. Tutti i sottogruppi preferivano varietà ibride di cannabis. Le persone nei sottogruppi emicrania e cefalea preferivano la varietà ibrida ad alto contenuto di THC e a basso contenuto di CBD.


Lo studio sul nabilone

Uno studio italiano del 2012 ha esaminato gli effetti del nabilone, una forma sintetica di THC, sui disturbi della cefalea. Ventisei persone che soffrivano di mal di testa per l'uso eccessivo di farmaci hanno iniziato ad assumere dosi orali di 0,50 mg di nabilone al giorno o 400 mg di ibuprofene al giorno. Dopo otto settimane di assunzione di uno dei due farmaci, i partecipanti allo studio sono rimasti senza farmaci per una settimana. Poi sono passati all'altro farmaco per le ultime otto settimane.

Entrambi i farmaci si sono dimostrati efficaci. Tuttavia, alla fine dello studio, i partecipanti hanno riferito un miglioramento maggiore e una migliore qualità di vita durante l'assunzione di nabilone. L'assunzione di nabilone ha portato a una riduzione dell'intensità del dolore e anche a una riduzione della dipendenza dal farmaco. Nessuno dei due farmaci ha avuto un effetto significativo sulla frequenza degli attacchi di emicrania, che i ricercatori attribuiscono alla breve durata dello studio.

Come funziona il CBD

Il CBD agisce interagendo con i recettori dei cannabinoidi presenti nell'organismo (CB1 e CB2). Sebbene i meccanismi non siano del tutto chiari, i recettori possono influenzare il sistema immunitario. Ad esempio, il CBD può impedire all'organismo di metabolizzare l'anandamide. Il composto anandamide è stato collegato alla regolazione del dolore. Mantenere alti livelli di anandamide nel sangue può alleviare la sensazione di dolore.

Si ritiene inoltre che il CBD riduca l'infiammazione dell'organismo, il che potrebbe contribuire a ridurre il dolore e altre reazioni del sistema immunitario. Attualmente sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio come il CBD possa influire sull'organismo.


Come assumere il CBD

La cannabis viene utilizzata nella medicina alternativa da oltre 3.000 anni. Alcuni dei suoi usi includono il trattamento medico:

  • dolore
  • disturbi neurologici
  • infiammazione

Forme di utilizzo del CBD:

  • vaporizzazione
  • nel cibo
  • somministrazione esterna

L'uso orale del CBD ha meno probabilità di causare effetti collaterali rispetto alla vaporizzazione, quindi può essere un buon punto di partenza per i principianti.


Opzioni per l'uso orale:

  • Mettere qualche goccia di olio di CBD sotto la lingua.
  • Assumere capsule di CBD.
  • Mangiare o bere un prodotto ingeribile contenente CBD.
  • Il vaping di CBD può essere utile se si soffre di una forte emicrania a casa e non si ha bisogno di uscire.
  • L'inalazione fa arrivare i composti nel flusso sanguigno molto più velocemente di altri metodi.


Attualmente non esistono linee guida ufficiali per il dosaggio corretto durante un attacco di emicrania. È quindi necessario consultare il proprio medico per determinare il dosaggio corretto.

Se siete alle prime armi con l'olio di CBD, dovreste iniziare con la dose più piccola possibile. Si può arrivare gradualmente alla dose completa raccomandata. Questo aiuterà il vostro corpo ad abituarsi all'olio e a ridurre il rischio di effetti collaterali. Anche questa guida di facile consultazione può aiutarvi nel dosaggio.


Possibili effetti collaterali e rischi

In generale, gli studi dimostrano che gli effetti collaterali dell'assunzione di CBD e olio di CBD sono minimi. Questo è uno dei motivi principali per cui le persone si stanno allontanando dagli antidolorifici da banco o da prescrizione. Tuttavia, possono verificarsi affaticamento, sonnolenza, mal di stomaco, variazioni dell'appetito e del peso. È stata osservata anche una tossicità epatica nei topi a cui sono state somministrate dosi estremamente elevate di estratto di cannabis ricco di CBD.

Il rischio di effetti avversi può dipendere dal modo in cui l'olio di CBD viene assunto. Ad esempio, la vaporizzazione può causare irritazione polmonare e provocare:

  • tosse cronica
  • raucedine
  • difficoltà respiratorie


Se soffrite di asma o di un altro tipo di malattia polmonare, la vaporizzazione del CBD potrebbe non essere adatta a voi. Se non siete sicuri dei possibili effetti collaterali o di come il vostro corpo potrebbe gestirli, parlatene con il vostro medico.

Se state assumendo altri farmaci o integratori alimentari, fate attenzione alle interazioni. Il CBD può interagire con una serie di farmaci, come ad esempio:

  • antibiotici
  • antidepressivi
  • fluidificanti del sangue


Siate particolarmente cauti se state assumendo farmaci o integratori alimentari che interagiscono con il pompelmo. Sia il CBD che il pompelmo interagiscono con enzimi, come il citocromo P450 (CYP), importanti per il metabolismo dei farmaci.

Il CBD può sballare come il THC?

Gli oli di CBD sono ricavati dalla canapa, ma non sempre contengono THC. Il THC è un cannabinoide che fa sentire il cosiddetto "sballo" quando si fuma cannabis. I prodotti a base di CBD con poco o nessun THC non hanno effetti psicoattivi.

Il CBD è legale?

Nella Repubblica Ceca, a partire dall'inizio del 2022, i prodotti a base di canapa possono contenere legalmente fino all'1% di THC o meno (in precedenza il limite massimo era dello 0,3%). Tuttavia, la stessa situazione non si applica in tutti i Paesi. Alcuni Paesi richiedono ai consumatori di CBD una prescrizione medica, mentre altri vietano del tutto la vendita di prodotti a base di cannabis. Quando si viaggia all'estero, è consigliabile controllare le leggi di tutti i Paesi che si attraversano.


Consultate il vostro medico

Prima che l'olio di CBD diventi un'opzione terapeutica comune per l'emicrania è necessario condurre ulteriori ricerche, ma se siete interessati vale la pena di parlarne con il vostro medico. Lui o lei potrà consigliarvi non solo sul giusto dosaggio.

Se decidete di provare l'olio di CBD, affrontatelo come qualsiasi altra opzione di trattamento dell'emicrania. Potrebbe essere necessario un po' di tempo per fare effetto e potrebbe essere necessario regolare gradualmente il dosaggio in base alle proprie esigenze.


 

Foto: Shutterstock


Esclusione di responsabilità

Ogni marchio ha una responsabilità nei confronti dei propri clienti. Hemnia si dedica ai rimedi naturali e a uno stile di vita armonioso. Ci piace scrivere di queste cose e condividere le nostre esperienze positive. Oltre alla qualità verificata e alle descrizioni corrette e comprensibili dei nostri prodotti, abbiamo il dovere di farvi sapere di cosa possiamo o non possiamo essere ritenuti responsabili. L'obiettivo è la vostra sicurezza e noi lo rispettiamo pienamente.


Breve e semplice:
1. Hemnia non vuole e non può sostituire le cure professionali del vostro medico.
2. I prodotti Hemnia non sono farmaci (alias medicinali), quindi vi preghiamo di non trattarli come tali.
3. Hemnia offre prodotti a base di cannabis, ma non cercate sostanze stupefacenti o psicotrope. Non le offriamo né le raccomandiamo.


Leggete qui il testo completo del disclaimer.