Powered by Smartsupp

Il CBD e i suoi possibili effetti collaterali

Applicato sulla pelle o assunto per via orale, il CBD è generalmente considerato una sostanza sicura. Tuttavia, quando lo si assume, non bisogna trascurare i possibili effetti collaterali che il CBD può avere. La buona notizia è che sono per lo più lievi.
 


Effetti collaterali comuni del CBD

Gli effetti collaterali più comunemente menzionati del CBD includono sonnolenza, problemi gastrointestinali (problemi digestivi), secchezza delle fauci, diminuzione dell'appetito, nausea e anche interazioni con altri farmaci. Questi sono discussi in dettaglio nel testo che segue.
 

Sonnolenza

Gli effetti collaterali comuni dell'assunzione di CBD comprendono sonnolenza e letargia. Questo effetto può essere generalmente considerato un beneficio. Tuttavia, se il CBD viene assunto in combinazione con altri farmaci sedativi (sedativi), questi effetti possono essere troppo forti.

Problemi gastrointestinali

Alcune persone possono avere problemi digestivi, in particolare diarrea, o anche problemi epatici quando assumono CBD. Ciò dipende dal singolo individuo e dalla sua storia clinica, quindi è importante monitorare gli effetti del CBD.
 


Secchezza delle fauci

Il CBD può far sentire la bocca e gli occhi molto secchi. Sebbene questo effetto collaterale sia più probabile con il THC, può verificarsi anche con il cannabidiolo.
 

Può interagire con altri farmaci

Gli effetti del CBD possono incrociarsi (interferire) con altri farmaci che si stanno assumendo in modo indesiderato. È quindi importante consultare un medico in merito all'assunzione di CBD.
 

Nausea

In alcuni casi, le persone che assumono integratori alimentari contenenti CBD possono provare nausea. Ciò dipende da quanto la persona è sensibile al CBD e anche dalla quantità di sostanza ingerita.

Poiché gli integratori di CBD sono disponibili in molte forme diverse, come oli, gommosi e tinture, la quantità di principio attivo che viene effettivamente assorbita dall'organismo può variare notevolmente da prodotto a prodotto. Questo, unito alle differenze di ogni persona, influisce in ultima analisi sugli (eventuali) effetti collaterali che l'utente può sperimentare.
 


Che cos'è il cannabidiolo (CBD)?

CBD è l'acronimo di cannabidiolo, una sostanza che di solito viene estratta dalla cannabis. La sua popolarità è salita alle stelle negli ultimi anni. Secondo una ricerca, la frequenza di ricerca del termine "CBD" su Google è rimasta stabile tra il 2004 e il 2014. Da allora, è aumentata di oltre il 600%!

Il CBD è uno dei tanti composti chimici presenti nella cannabis. Ci sono due parti fondamentali della pianta che vengono utilizzate. Una è il THC, o delta-9-tetraidrocannabinolo, e l'altra è il CBD. Sebbene provengano dalla stessa pianta, gli effetti del THC e del CBD differiscono notevolmente l'uno dall'altro.

Mentre il CBD non è una sostanza psicoattiva, il THC lo è. Un'altra differenza è che mentre il CBD è classificato come sostanza legale nella maggior parte dei Paesi, la distribuzione di THC sul mercato aperto è ancora illegale in molti Paesi del mondo, compresa la Repubblica Ceca. 

 

Ci sono benefici associati all'uso del CBD?

Ci sono diversi motivi per usare il CBD. La sostanza si trova in molti prodotti, dalle gocce, oli e tinture di CBD, agli unguenti per muscoli e articolazioni doloranti, ai prodotti per la cura della pelle. Sono ancora in corso intense ricerche per studiare il potenziale terapeutico del cannabidiolo. Negli ultimi decenni, gli scienziati si sono gradualmente resi conto che il CBD può essere molto benefico sia se usato esternamente che se consumato.

Negli anni '90 è stato scoperto che il sistema endocannabinoide (ECS) è il sistema di regolazione centrale che ripristina l'equilibrio interno (omeostasi) di molte funzioni fisiologiche in tutto il corpo umano e nel cervello. L'ECS è composto da recettori dei cannabinoidi, endocannabinoidi che si legano ai recettori e sono prodotti dall'organismo stesso, ed enzimi che poi scompongono gli endocannabinoidi.
 


I benefici del CBD sono i seguenti:

  • Il CBD può avere un effetto positivo sul cervello. Infatti, questa sostanza è contenuta anche in un farmaco approvato e prescritto per alcune forme gravi di epilessia nei bambini (il farmaco potrebbe non essere registrato e quindi disponibile nella Repubblica Ceca).
  • È stato inoltre dimostrato che ha proprietà antinfiammatorie, motivo per cui spesso si trova il CBD in prodotti da somministrare esternamente, come unguenti, lozioni e oli.
  • Le ricerche indicano la capacità del CBD di alleviare lo stress e l'ansia.
  • In alcuni Paesi, il CBD è usato come trattamento per la nausea.
  • Il CBD può potenzialmente alleviare i sintomi del dolore.
  • Ha proprietà antiossidanti, il che significa che può aiutare a combattere i danni dei radicali liberi che portano all'invecchiamento precoce.
  • Per quanto riguarda la cura della pelle, il CBD può aiutare a ridurre l'eccessiva produzione di sebo nelle persone con pelle molto grassa. 


Ma il motivo principale per cui le persone usano il CBD è per i suoi effetti calmanti, rilassanti e antidolorifici. È stato utilizzato per alleviare i dolori articolari e nervosi, ridurre l'ansia e lo stress, trattare l'insonnia, combattere l'emicrania e affrontare la nausea.
 

Il CBD è ancora una sostanza non regolamentata

È importante sottolineare che il CBD e i suoi prodotti non sono sufficientemente definiti e regolamentati dalla legge ceca. Pertanto, il dosaggio dei prodotti di diversi produttori potrebbe non essere uniforme. Se si utilizza per la prima volta il cannabidiolo o un nuovo prodotto che lo contiene, è difficile determinare la dose appropriata.

Se il CBD proviene da una fonte verificata e il prodotto è stato controllato da un laboratorio indipendente, come nel caso di tutti i prodotti Hemnia, si può fare affidamento sul contenuto di CBD. Il CBD dovrebbe idealmente provenire da piante coltivate in modo biologico, senza l'uso di pesticidi e senza metalli pesanti. Inoltre, non dovrebbe essere contenuto in alimenti che possono influenzarne l'assorbimento. In generale, il CBD è sicuro da usare e gli effetti collaterali sono minori a basse dosi.
 

Conclusioni

Il CBD non è assolutamente da temere. Tuttavia, è vero che bisogna sempre usarlo con cautela. Questo vale soprattutto per chi sta assumendo altri farmaci e/o ha problemi di salute in corso. Tuttavia, i risultati delle ricerche preliminari sul CBD e sui suoi benefici nel combattere problemi di salute da lievi a moderati sono molto promettenti. In generale, il cannabidiolo è considerato una sostanza sicura. Tuttavia, i professionisti della salute non considerano il CBD una panacea per problemi di salute gravi come il cancro.

Se avete dei dubbi sull'assunzione di CBD, vi consigliamo di parlare con il vostro medico per capire se l'assunzione di CBD ha senso per voi e come può aiutarvi. Il medico può consigliare prodotti specifici per le vostre esigenze e aiutarvi a determinare il giusto dosaggio.
 

 


Foto: Shutterstock

Dichiarazione di responsabilità

Ogni marchio ha una responsabilità nei confronti dei propri clienti. Hemnia si dedica ai rimedi naturali e a uno stile di vita armonioso. Ci piace scrivere di queste cose e condividere le nostre esperienze positive. Oltre a una qualità verificata e a descrizioni corrette e comprensibili dei nostri prodotti, abbiamo il dovere di farvi sapere per cosa possiamo o non possiamo essere ritenuti responsabili. L'obiettivo è la vostra sicurezza e noi lo rispettiamo pienamente.

Breve e semplice: 

1. Hemnia non vuole né può sostituire le cure professionali del vostro medico.

2. I prodotti Hemnia non sono farmaci (alias medicinali), quindi vi preghiamo di non trattarli come tali.

3. Hemnia offre prodotti a base di cannabis, ma non cercate sostanze stupefacenti o psicotrope. Non le offriamo né le raccomandiamo.

Leggete qui il testo completo del disclaimer.