Powered by Smartsupp

Come funziona il CBD nel nostro corpo?

Il CBD (cannabidiolo) è una delle decine di cannabinoidi presenti naturalmente nella cannabis, ma negli ultimi decenni ha attirato molta attenzione, non solo da parte del pubblico in generale, ma soprattutto da parte di medici e scienziati. Si è scoperto che il CBD può avere una serie di benefici positivi per il corpo umano e alleviare i sintomi di problemi di salute che meriterebbero un articolo a sé. È solo grazie alla curiosità e alla diligenza di scienziati e ricercatori che ora possiamo darle una visione di come il CBD interagisce con i meccanismi naturali del nostro corpo e quali sono gli utili che può offrirci.

Epilessia, ansia, dolore cronico, nausea, insonnia, sclerosi multipla, disturbi endocrini (il diabete e le malattie della tiroide sono tra i più comuni) e varie malattie neurodegenerative sono le più spesso citate in relazione agli effetti benefici del cannabidiolo sulla salute umana. Queste malattie comportano la degenerazione graduale o la vera e propria morte delle cellule nervose e causano problemi di movimento (atassia) o di funzioni mentali (demenza).

Si starà chiedendo come un solo composto possa avere benefici così diversi e offrire così tanti vantaggi al nostro corpo. Al centro c'è il meccanismo con cui il CBD agisce all'interno del nostro corpo e come interagisce con esso. Nelle righe che seguono cercheremo di fornirle almeno un'idea di massima di questi meccanismi.

Importanza del sistema endocannabinoide

IlCBD ha la capacità di interagire con il sistema endocannabinoide (ECS) del nostro corpo.

Ha un effetto significativo sul mantenimento dell'omeostasi. In termini leggermente semplificati, ciò significa che il CBD può regolare il sistema che mantiene in equilibrio l'intera fabbrica avanzata per conto del corpo umano. Sopprime i processi iperattivi e fuori controllo, ma funziona anche al contrario. Rafforza le funzioni che sono carenti.

L'azione del cannabidiolo nel nostro corpo è quindi fondamentalmente diversa da quella dei farmaci convenzionali o degli integratori alimentari, che di solito hanno una "direzione" d'azione specifica e si concentrano su un processo specifico del corpo che rafforzano o inibiscono.

ECS ha 3 componenti - endocannabinoidi, recettori ed enzimi. Il corpo produce i propri endocannabinoidi, che si legano ai due principali recettori endocannabinoidi, CB1 e CB2, e agiscono sul corpo attraverso di essi. Dopo che gli endocannabinoidi hanno svolto il loro lavoro, entrano in gioco gli enzimi per scomporli, per eliminarli.

I recettori degli endocannabinoidi si trovano nella pelle, in vari organi, ma soprattutto nel cervello. Per saperne di più sul sistema endocannabinoide, può consultare il nostro articolo.

Come e perché il CBD funziona in modo diverso dal THC?

In termini di effetti, la differenza principale tra CBD e THC è che il THC è psicoattivo. Provoca il noto "high" e induce uno "sballo" durante il quale la percezione della realtà può cambiare in vari modi. Cannabidiolo non ha questi effetti, anche se non è del tutto esatto dire che il CBD non è psicoattivo. Di seguito cercheremo di spiegare il perché.

I diversi effetti del CBD e del THC sul corpo umano sono dovuti principalmente al fatto che le due sostanze interagiscono in modo diverso con l'ECS, cioè agiscono in modo diverso sui suoi recettori.

Il THC si rivolge principalmente al recettore dei cannabinoidi CB1, che si trova principalmente nel sistema nervoso centrale. Questo recettore è responsabile degli effetti psicoattivi della cannabis. Pertanto, affinché il corpo possa sperimentare gli effetti psicoattivi, il THC deve legarsi a questo recettore e attivarlo.

Anche ilCBD "interagisce" con il recettore CB1, ma in modo diverso. Non lo attiva, ma rende più difficile l'attivazione da parte di altre sostanze. Il CBD quindi modera de facto gli effetti del THC (modera lo sballo) creando una barriera che impedisce al THC di legarsi al recettore CB1.

Ecco perché la presenza di CBD ha un effetto significativo sulla psicoattività dei preparati contenenti THC. Per lo stesso motivo, il rapporto tra i due cannabinoidi è importante per stimare gli effetti dei preparati di cannabis. Secondo recenti ricerche, anche altre sostanze presenti nella cannabis, come i terpeni e i flavonoidi, svolgono un ruolo importante. Non si tratta quindi solo di una relazione con il THC, in quanto il CBD lavora in combinazione con molte altre sostanze e può avere uno spettro di benefici diversi anche attraverso di esse.

Come il CBD (co)funziona in modo specifico con i meccanismi del nostro corpo

Il CBD funziona come inibitore dell'enzima FAAH (amididrolasi degli acidi grassi). Ciò significa che il CBD impedisce a questo enzima di svolgere il suo lavoro, ossia di scomporre all'interno delle cellule gli endocannabinoidi che il nostro corpo produce da solo. Impedendo il funzionamento dell'enzima FAAH (inibendolo), il CBD sostiene gli endocannabinoidi presenti naturalmente nel nostro corpo (2-AG e anandamide). Con questo meccanismo, il CBD contribuisce al mantenimento dell'omeostasi.

Il CBD attiva i recettori vaniloidi e quindi riduce il dolore. I recettori vanilloidi svolgono una serie di compiti nell'organismo, in particolare regolano la trasmissione dei segnali di dolore, infiammazione e temperatura corporea. Pertanto, quando i recettori vaniloidi sono attivati, bloccano la trasmissione dei segnali di dolore al cervello. La cannabis non è l'unica pianta che interagisce con questi recettori. Altre piante note per i loro effetti analgesici sono lo zenzero, il pepe nero e il peperoncino.

IlCBD aumenta l'attività del GABA. L'acido gamma-aminobutirrico (GABA) è il cosiddetto neurotrasmettitore rilassante primario. La sua funzione principale è quella di regolare l'attività dei neuroni. Agisce come un pedale del freno per il sistema nervoso. Allevia la tensione nervosa e muscolare, ha un effetto ammortizzante, calma e protegge i neuroni dai danni. È associata al rilassamento ed è importante per l'igiene del sonno. Aiuta a preparare il nostro cervello alla modalità notturna, cioè ad addormentarsi.

Quando il GABA non funziona correttamente, possiamo diventare ansiosi e avere difficoltà a "spegnere" la risposta allo stress o ad addormentarci, con conseguente ansia e insonnia. Questo neurotrasmettitore svolge anche un ruolo importante subito dopo una situazione stressante. Infatti, rallenta la frequenza cardiaca, abbassa la pressione sanguigna e ci permette di rilassarci e di riprenderci dagli effetti dello stress. La disfunzione del GABA può indirettamente portare a un abbassamento dell'immunità e anche a problemi digestivi, se il problema persiste per molto tempo.

IlCBD è un cosiddetto modulatore GABA allosterico. Ciò significa che CBD non attiva direttamente il recettore acido, ma facilita il legame del GABA naturale con i recettori stessi. Il risultato è un maggiore senso di rilassamento e un'attenuazione dei sintomi del carico eccessivo di stimoli sul cervello, che si manifesta con ansia, insonnia, disturbo da stress post-traumatico, ecc.

I processi sopra menzionati che coinvolgono il CBD dimostrano la versatilità del cannabidiolo e il motivo per cui il dibattito sui suoi effetti spesso si basa sulla sua capacità di attenuare il dolore, essere antinfiammatorio, regolare lo stress e contribuire al rilassamento e al buon sonno. Discuteremo gli usi specifici del CBD e il suo potenziale di beneficio per il corpo umano e di aiuto per combattere una serie di malattie in un prossimo articolo.

Foto: Shutterstock

"Tutte le informazioni fornite su questo sito web, così come le informazioni fornite attraverso questo sito web, sono solo a scopo educativo. Nessuna delle informazioni contenute è intesa come sostituto di una diagnosi medica e tali informazioni non devono essere considerate consigli medici o trattamenti raccomandati. Questo sito web non promuove, appoggia o sostiene l'uso lecito o illecito di stupefacenti o sostanze psicotrope o la commissione di qualsiasi altra attività illegale". Per ulteriori informazioni, consulti le dichiarazioni di responsabilità.