Powered by Smartsupp

CBD e interazioni inappropriate tra farmaci?

Il presupposto che il CBD non interagisca con i farmaci perché non è psicoattivo è un'idea sbagliata potenzialmente pericolosa. Il riconoscimento diffuso della differenza tra il CBD e la cannabis ad alto tenore di THC segna uno sviluppo positivo nella medicina, ma questo sviluppo è servito anche a estendere tale presupposto.

Non ci si sentirà veramente sballati e cosiddetti "high" dopo aver assunto CBD, ma è bene sapere che il CBD attraversa la barriera emato-encefalica, il che significa che agisce sul cervello. In effetti, il CBD agisce direttamente sul sistema nervoso centrale in modo da alterare leggermente l'umore e la percezione, il che tecnicamente elimina la sua etichetta di non psicoattivo. Sarebbe più appropriato usare il termine "non tossico".

Può sembrare un'affermazione verbosa, ma una volta compreso che il CBD è una sostanza non tossica che tuttavia produce una serie di cambiamenti fisiologici, ci si rende conto che bisogna anche considerare che il CBD può interagire con vari farmaci e talvolta alterarne in modo sostanziale gli effetti. In quasi tutti i casi, questa modifica riguarda il tasso di metabolismo dei farmaci.

In questo testo spiegheremo esattamente come il CBD interagisce con i farmaci, quali farmaci sono coinvolti e come gestire al meglio queste interazioni

Il meccanismo con cui il CBD influisce sul metabolismo dei farmaci è piuttosto semplice.

Secondo un articolo di ricerca del 2019 pubblicato sul Journal of Clinical Medicine, il CBD è un noto inibitore di un gruppo di enzimi epatici chiamati enzimi del citocromo P450.

Gli enzimi del citocromo P450, responsabili della produzione e della scomposizione di un'ampia gamma di sostanze come gli ormoni a base di steroidi e i grassi, mantengono un sano equilibrio di molecole vitali in tutte le nostre cellule.

Questa classe di enzimi scompone anche i composti contenuti nei farmaci da prescrizione, consentendo al nostro organismo di percepirne gli effetti per un determinato periodo di tempo e a un determinato livello di intensità. Poiché il CBD inibisce in qualche misura la produzione degli enzimi del citocromo P450, si verifica un'interazione che ostacola il metabolismo dei farmaci.

Concentrazioni più basse di questi enzimi del citocromo significano che i farmaci da prescrizione funzionano più intensamente per periodi di tempo più lunghi, perché non vengono scomposti così rapidamente. Un piccolo ma crescente corpo di ricerca in questo settore non ha ancora prodotto dati chiari sulla forza di questo effetto. Tuttavia, sono state identificate molte sostanze (circa 2/3 di tutti i tipi di farmaci da prescrizione) che possono essere influenzate dal CBD in questo modo.


Farmaci che interagiscono con il CBD

  • CYP3A4
  • CYP2D6
  • Antistaminici
  • Antipsicotici
  • Antiretrovirali
  • Betabloccanti
  • Benzodiazepine
  • Oppioidi
  • Calcio-antagonisti
  • SSRIS
  • Ciclosporina
  • Antidepressivi triciclici
  • Aloperidolo
  • Macrolidi
  • Sildenafil (e altri inibitori della PDE-5)
  • Alcune statine (atorvastatina e simvastatina, ma non pravastatina o rosuvastatina)

 

Un rapporto del Dipartimento della Salute di Washington che parla delle interazioni farmacologiche tra canapa e CBD elenca due specifici enzimi del citocromo che il CBD inibisce. Per chiarire, entrambi gli enzimi fanno parte della categoria del citocromo P450, ma sono identificati singolarmente da una combinazione di lettere e numeri: CYP3A4 e CYP2D6. Sebbene non siano gli unici enzimi inibiti dalla CBD, questi due sono i più significativi in termini di interazioni farmacologiche con un'ampia gamma di farmaci comuni.

Il rapporto afferma che il CYP3A4 è responsabile della scomposizione degli antistaminici, di alcune statine, dei calcio-antagonisti e di diverse altre classi di farmaci. Il CYP2D6 è utilizzato dall'organismo per metabolizzare gli antidepressivi, i beta-bloccanti, gli antidolorifici oppioidi e diverse altre classi di farmaci. Lo studio citato spiega che quando questi enzimi vengono inibiti, le concentrazioni sieriche dei suddetti farmaci aumentano per un periodo di tempo più lungo rispetto alle persone che assumono questi farmaci senza CBD.

I farmaci specifici con cui il CBD interagisce sono troppo numerosi per essere elencati in un solo articolo, ma se si è consapevoli del tipo di farmaco che si sta assumendo, ad esempio un antistaminico o un antidolorifico oppioide, è possibile determinare se un'interazione è probabile o meno.

Questo elenco fornisce esempi di farmaci e sostanze, suddivisi per tipologia, che possono interagire con il CBD:

  • Benadryl (antistaminico)
  • Codeina (oppioide)
  • Metoprololo (betabloccante)
  • Zoloft (antidepressivo)
  • Lipitor (statina)
  • Alcool

Come sempre, è indispensabile consultare il proprio medico in caso di domande sulle possibili interazioni del CBD con i farmaci che si stanno assumendo o che si intende assumere. Questo percorso enzimatico indiretto non è l'unico modo in cui il CBD interagisce con i farmaci, in quanto può colpire direttamente una serie di recettori come agonista o antagonista, il che significa che promuove o limita l'azione del recettore.

Tuttavia, questi effetti non sono ancora stati esplorati a fondo e probabilmente sarebbero altrettanto secondari rispetto agli effetti di inibizione enzimatica in termini di rilevanza per gli utenti sanitari. Tuttavia, un caso particolarmente interessante e di grande rilevanza per molti di noi riguarda il rapporto tra CBD e alcol.

CBD e alcol

I risultati di uno studio condotto su dieci persone, pubblicato sulla rivista Psychopharmacology, indicano un'interazione sfumata e potenzialmente utile tra CBD e alcol. Ai partecipanti del gruppo sperimentale sono state somministrate sia bevande alcoliche che CBD e, dopo il consumo, sono stati sottoposti a test di performance motoria (test di battitura delle dita), abilità psicomotorie e altri indicatori di tossicità.

Rispetto al gruppo placebo, il gruppo CBD ha mostrato livelli di alcol nel sangue significativamente più bassi. Tuttavia, lo studio afferma che sono state osservate "poche differenze tra gli effetti farmacologici dei due stati di ubriachezza", suggerendo che l'effetto antitossico del CBD nel consumo di alcol non ha influenzato le prestazioni motorie. In sostanza, questo suggerisce che il CBD non fa sembrare meno ubriachi in termini di controllo motorio del corpo, ma può agire da tampone per abbassare i livelli di alcol nel sangue.

 

Utilizzare le interazioni note per prendere decisioni sanitarie più intelligenti

Anche se si sospetta che il CBD possa interagire con i farmaci che si intende assumere o che si stanno assumendo, un consulto con il proprio medico potrebbe rivelare che non è necessariamente necessario abbandonare del tutto il CBD. Questo perché le interazioni sopra descritte non sono "sinergiche", cioè non aumentano l'efficacia e gli effetti collaterali potenzialmente pericolosi causati dalla combinazione di alcuni tipi di composti chimici, come l'alcol e gli antidolorifici oppioidi.

In alcuni casi, al paziente può essere consigliato di mantenere basse le dosi di CBD e di aumentarle con incrementi molto ridotti o di non aumentarle affatto. Per questo motivo, si consiglia alle persone che assumono farmaci di utilizzare oli e gomme al CBD con concentrazioni più basse.


Punti chiave da ricordare

Come sempre, più ci si documenta e ci si prepara, meglio si sarà attrezzati per gestire le potenziali interazioni CBD-medicinali.


Le cose più importanti da ricordare in questo scenario sono:

Il CBD può interagire con un'ampia gamma di farmaci in un modo che influisce principalmente sul loro assorbimento nell'organismo (metabolismo). Il modo migliore per stabilire se si possono assumere CBD e farmaci contemporaneamente è consultare il medico che li prescrive. Per aiutare a gestire le interazioni del CBD con i farmaci, utilizzare prodotti a base di CBD che permettano di impostare facilmente dosi basse e di regolarle a piccoli incrementi. Se si seguono questi passaggi e si parla apertamente con il proprio medico, si può ridurre notevolmente il rischio di reazioni avverse.

 

Esclusione di responsabilità

Ogni marchio ha una responsabilità nei confronti dei propri clienti. Hemnia si dedica ai rimedi naturali e a uno stile di vita armonioso. Ci piace scrivere di queste cose e condividere le nostre esperienze positive. Oltre alla qualità verificata e alle descrizioni corrette e comprensibili dei nostri prodotti, abbiamo il dovere di farvi sapere di cosa possiamo o non possiamo essere ritenuti responsabili. L'obiettivo è la vostra sicurezza e noi lo rispettiamo pienamente.


Foto: Shutterstock

 Breve e semplice:
 1. Hemnia non vuole, né può, sostituire le cure professionali del vostro medico.

2. I prodotti Hemnia non sono farmaci (alias medicinali), quindi non trattateli come tali.

3. Hemnia offre prodotti a base di cannabis, ma non cercate sostanze stupefacenti o psicotrope. Non le offriamo né le raccomandiamo.

Leggete qui il testo completo del disclaimer.